Formazione e Impresa: un connubio vincente in Abruzzo

Da otto anni a questa parte in Abruzzo, in provincia di Chieti, si rinnova un’iniziativa che sta portando, anno dopo anno, frutti sempre più interessanti. Si tratta di un progetto che cerca di rendere davvero virtuoso il legame tra scuola e impresa, di inserire cioè lavorativamente i giovani fin dagli anni della loro formazione affinché possano diventare sempre più consapevoli delle loro potenzialità, e possano apportare nuova linfa vitale al mondo del lavoro.

Il progetto si chiama “Impresa In Accademia” e nasce da un’idea nata in seno al Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Chieti Pescara. Dal 2011 si sono ripetute le diverse edizioni di quello che si potrebbe definire un “concorso” ma che è anche molto di più, in quanto si concretizza in reali opportunità di impiego per i giovani che vengono selezionati. Una rosa di giovani studenti, quest’anno ne sono stati coinvolti circa 300, hanno libero accesso a dei corsi di formazione, completamente gratuiti, per un totale di 60 ore. Si tratta di corsi che in realtà si svolgono molto poco in aula e prevalentemente nelle aziende, con workshop che cercano di mettere concretamente alla prova le nozioni che i ragazzi hanno appreso. Per l’edizione 2018 di “Impresa In Accademia” hanno aderito 15 aziende, per un totale di 12 laboratori e workshop. Ha contribuito alla selezione degli studenti partecipanti la Randstad, agenzia per il lavoro interinale. I ragazzi che sono riusciti a completare l’intero percorso sono stati molto più numerosi che negli anni passati: 20 di loro, infatti, hanno superato le selezioni riuscendo ad accedere agli stage in azienda. Le aziende presso le quali si sono svolte gli stage si sono dette tutte molto soddisfatte del lavoro dei ragazzi, i quali hanno avuto il compito di elaborare un’idea originale. I progetti che alla fine sono risultati vincitori, e che sono stati premiati il 9 Gennaio da Claudio Bonasia di Federmanager Abruzzo e Molise e da Damiano De Cristofaro, Presidente dell’Associazione Crealavorogiovani, sono in tutto tre. I ragazzi le cui idee sono state selezionate per tramutarsi in realtà, e che potranno partecipare ad un interessante e formativo percorso di coaching, sono Luca Di Girolamo, che ha svolto lo stage presso la Cobo Sud – divisione Ciam Spa; Manuel Di Febbo, che ha svolto lo stage in PND Coaching, e Angelica D’Anastasio, che ha svolto lo stage presso Cristiano Fino. Nel concreto, il loro premio è una borsa di studio per frequentare il corso di “Export Management & International Marketing 2.0”, promosso da Top Solutions di Alessandro Addari. Molto interessanti i progetti messi in campo dai premiati. L’idea di Di Girolamo, ad esempio, riguarda i nuovi mezzi tecnologici che le aziende hanno a disposizione e che devono imparare a sfruttare al meglio. “Digital Transformation e la gestione del cambiamento” è il titolo del suo elaborato, che parte dall’analisi dei dati della IoT per incrementare produzione e fatturato. Questo dimostra come lo scambio tra le nuove energie dei giovani e l’impresa tradizionale, ormai consolidata in modalità e processi, possa dare un notevole slancio verso il futuro all’imprenditoria abruzzese. Durante la cerimonia di premiazione è anche stata mostrata la nuova etichetta per il vino Zaccagnini “Vinamore”, che è stata disegnata da Angelica D’Anastasio, studentessa dell’Università “G. D’Annunzio” Chieti Pescara. Nell’etichetta viene mostrata una vite che affonda le radici nel terreno per poi protendere i rami in alto, a formare un cuore: una bella visualizzazione che rende evidente come la conoscenza del passato possa evolvere in un futuro che ne conserva la memoria, ma è capace di andare avanti.